Padelle in pietra

Qualche tuo collega o amico ti ha parlato della sua padella in pietra come se fosse un accessorio quasi magico?

Nella nostra cultura culinaria italiana amiamo il mangiar bene e sano. Per mangiare sano non è solamente necessario acquistare degli ottimi prodotti alimentari ma anche comprare degli utensili che ci aiutino nell’impresa.

Non a caso, negli ultimi anni, sempre più famiglie italiane si sono munite di una padella in pietra antiaderente. Vediamo il perchè.

padella-4Di cosa è fatto il rivestimento di una padella in pietra

La pietra utilizzata per il rivestimento delle comuni padelle in pietra che troviamo in circolazione è la pietra lavica. Questo materiale, come dice il termine, è pietra che si forma naturalmente dopo l’eruzione di un vulcano.

La lava dopo essere stata espulsa, si raffredda e solidificandosi lentamente si trasforma in pietra. Una delle principali proprietà amate di questo materiale di formazione naturale, è la capacità di trattenere il calore a lungo. Infatti, non è inconsueto che padelle di ottima fattura risultino essere ancora calde dopo mezz’ora dalla fine della cottura.

Vantaggi di una padella in pietra

La pietra è atossica

Essendo la pietra lavica un elemento neutro ed atossico, potremmo star sereni durante la cottura di qualsiasi pietanza, sia a fuoco basso che a fuoco alto.

La pietra non è l’unico materiale considerato atossico e quindi da preferire in cucina. Molte volte ci può venir consigliata anche una padella in ceramica come ottimo strumento atossico e funzionale. Vedremo però più avanti, che la pietra pone diversi vantaggi rispetto alla ceramica, in cucina.

La padella in pietra è antiaderente

Probabilmente sarai già a conoscenza di questo fattore: tutte le pentole e le padelle in pietra sono solitamente antiaderenti.

A confronto di altre tecnologie di padelle antiaderenti presenti sul mercato, possiamo certamente affermare che sia le padelle rivestite in pietra che le padelle interamente in pietra lavica, hanno un alta percentuale di antiaderenza, permettendo di cucinare i nostri piatti in modo uniforme e con pochissima aggiunta di grassi saturi e insaturi come olio e burro!

La padella in pietra ti fa risparmiare soldi

Non ci avevi pensato vero? Siamo sinceri, non risparmierai un gran che. ma devi sapere che grazie alle proprietà di termoconduzione della pietra, potrai utilizzare meno gas per scaldare l’intera padella permettendoti non solo di risparmiare i soldi sul gas, ma anche di avere una cottura più omogenea del piatto.

Non trattiene odori e sapori

Nonostante la pietra lavica sia un materiale poroso, per sua natura non trattiene ne odori ne sapori. Potrai finalmente dire addio a padelle che odorano da pesce nonostante diversi lavaggi intensi.

Cucinare con la pietra è salutare

Non smetterò mai di ripeterlo a chi mi chiede un consiglio su una buona padella. Grazie alle proprietà antiaderenti dei rivestimenti per padella in pietra, abbiamo la possibilità di cucinare praticamente tutto con zero grassi aggiunti (olio, burro, strutto etc).

Infatti, se con delle padelle tradizionali siamo obbligati ad utilizzare l’olio per evitare che il tutto si attacchi, con una buona pentola in pietra non ne avrai affatto bisogno. La cosa migliore? Il grasso non diventerà un elemento necessario alla cottura ma un elemento di contorno che aggiungerai solo se il piatto lo richiede.

Conducibilità termica

Quando si parla di conducibilità termica e cotture lente, la pietra è uno dei materiali d’eccellenza nel campo. Le pentole in pietra ollare sono molto famose per il loro utilizzo durante preparazioni e cotture lunghe come brasati e/o stufati.

Queste importanti proprietà della pietra fanno si che la pentola,una volta scaldata, tenderà a rimanere in temperatura molto più a lungo di tanti altri materiali adatti alla cottura come l’alluminio o la ceramica.

La padella migliore: pietra o ceramica?

Pietra o ceramica? Questo è un dibattito di lunga data. Anche se la ceramica è considerata atossica e antiaderente come la pietra, possiamo con certezza considerare che sia meglio il rivestimento in pietra o quello in ceramica?

La mia esperienza personale mi porta a dire che la ceramica sia un ottimo rivestimento ma mettere a confronto l’antiaderenza della ceramica con quella della pietra è quasi ridicolo!

Prima che le pentole in pietra divenissero popolari ho acquistato diverse padelle in ceramica per la loro proprietà antiaderente e antigraffio. L’esito? Dopo pochi mesi ho dovuto cambiare le padelle perchè completamente graffiate e avevano perso gradualmente la loro antiaderenza, costringendomi a cucinare con l’aggiunta di grassi per evitare il peggio.

Convinto di essere il colpevole ho acquistato padelle in ceramica fino al momento in cui non ho provato una padella in pietra (al tempo costavano un occhio della testa).

Ho notato immediatamente la differenza tra i due rivestimenti. Sin dal primo utilizzo il rivestimento in pietra mi sembrava fornisse un livello in più di antiaderenza e il calore veniva distribuito naturalmente e in modo più omogeneo.

Questa mia esperienza personale (parliamo di qualche anno fa) potrebbe non rispecchiare più la realtà e le padelle in ceramica potrebbero essere decisamente migliorate negli anni fornendo prestazioni simili o uguali alla pietra. È per questo che comunque la ceramica rimane un’ottima alternativa alle classiche padelle in teflon antiaderenti che una volta graffiate e raggiunti i 200°C, rilasciano l’acido perfluorottanoico: tossico per tiroide e fegato.

I prezzi delle padelle in pietra e ceramica

Che siano in pietra o in ceramica, le padelle rivestite in questi due materiali hanno subito un enorme flessione dei prezzi negli ultimi tempi.

Infatti, se qualche anno fa le padelle in pietra erano considerate strumenti per sole cucine professionali, oggi possiamo acquistarne una per poche decine di euro.

Sebbene il costo di una singola padella possa sembrare elevato (stiamo parlando di 20-30€), la sua longevità e le proprietà che abbiamo visto fin’ora, fanno valere ogni singolo euro speso per il suo acquisto.

Concludendo

Riassumendo, il rivestimento delle padelle in pietra permette di:

  • cucinare senza olio, burro o altri grassi aggiunti con l’unico scopo di non far attaccare la pietanza alla pentola;
  • cucinare in modo uniforme;
  • cucinare utilizzando meno gas;
  • stare sereni per quanto riguarda l’atossicità del materiale anche ad elevate temperature.

Ora, se siete convinti che l’acquisto di una pentola o di una padella in pietra fa al caso vostro, vi proponiamo una lista delle migliori padelle in pietra antiaderenti presenti oggi sul mercato.

Padelle in pietra
4.3 (85%) 20 voti

6 thoughts on “Padelle in pietra”

  1. barbara ha detto:

    Buongiorno, le vostre pentole si possono utilizzare con il fornello a induzione? grazie

    1. Staff Angolo degli Acquisti ha detto:

      Buongiorno Barbara, le padelle non sono di nostra produzione ma sono in vendita su Amazon ed Ebay. Le consigliamo di cercare la pentola o la padella di cui è interessata e cliccare sul tasto Amazon o Ebay per raggiungere la pagina. Nel caso non ci fosse scritto, su Amazon può fare una domanda ai clienti che hanno già acquistato il prodotto.

  2. Carmine Bevilacqua ha detto:

    ho tutte pentole alluflon sono contento ma vorrei anche qualcosa di dimensioni superiori
    saltapassta cm 32/40 o wok le producete?

    1. Staff Angolo degli Acquisti ha detto:

      Buongiorno Carmine, può trovare il wok cliccando qui. Non è Alluflon ma è comunque un’ottima marca.

  3. Silvano Zanutto ha detto:

    Ho comprato una Padella in pietra 28 cm Stone & Stone l’anno scorso. L’ho comprato da Amazon il 9 giugno 2017. Nel rivestimento piccole parti sono danneggiate. Capisco che il padel ha una garanzia, giusto? Come lo cambio? Grazie Saluti.

    1. Staff Angolo degli Acquisti ha detto:

      Buongiorno Silvano, deve contattare il servizio clienti di Amazon per richiedere il cambio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *